mercoledì 30 dicembre 2015

"Le confessioni del cuore" di Colleen Hoover - Recensione


Titolo: Le confessioni del cuore
Autrice: Colleen Hoover
Editore: Leggereeditore

Giudizio: ❤❤❤❤❤+
Livello passione: ❤❤ (Basso ma intenso e leggendo il libro capirete il perchéè)








 Cos'è questo sentimento che mi riempie il petto?
Sento una cosa premere all'altezza del cuore. Qualcuno potrebbe pensare che sia impossibile, ma vi giuro che quando porto a termine una storia come quella tra Amburn e Owen quel peso che sento all'altezza del cuore lo posso definire solo in un modo: Emozione.

Emozione, speranza, sogni. Sono questi i sentimenti più forti che ho sentito con questo libro.

L'ho letteralmente divorato. Finito nel giro di un giorno. 5 ore di lettura. Il mio e-reader non ne può più di me.

Sapevo che Colleen Hoover era una grande e questo libro è solo un'ulteriore conferma.

Il suo primo libro che ho letto è stato: "Le coincidenze dell'amore" e dire che l'ho amato sarebbe come disprezzarlo.

Dopo aver letto i suoi lavori, sapevo che era brava, ma non mi aspettavo che mi sorprendesse in questo modo.


Trama

A soli venti anni, Auburn Mason ha paura di aver perso ciò che aveva di più importante. Malgrado il dolore, le resta la voglia di lottare per rimettere sulla giusta strada un destino che sembra sfuggirle dalle mani, ma questa volta non dovrà esserci più spazio per errori e debolezze, tantomeno per l’amore. Owen Gentry è l’enigmatico artista proprietario dello studio d’arte di Dallas presso cui Auburn ha trovato lavoro. È un giovane brillante, di talento, verso il quale Auburn sente fin da subito di provare un’attrazione speciale. A quanto pare, la vita le sta regalando un’altra occasione per lasciarsi andare e ascoltare il proprio cuore. Eppure c’è qualcosa che rischia di minacciare la ritrovata felicità, un segreto che Owen vorrebbe relegare nel proprio passato ma che torna prepotentemente a galla. Owen sa che l’unico modo per non perdere Auburn è condividere con lei ogni aspetto della sua vita, ma la verità, come le opere d’arte, si presta a interpretazioni contrastanti, e una confessione, talvolta, può essere più distruttiva di una menzogna…

Recensione

Credi nel destino?

Dopo aver letto questa storia e anche prima la mia risposta è si, ci credo.

Ci credo perchè sono convinta che tutti prima o poi riusciremo ad ottenere il nostro lieto fine.

Non importa quante tempeste, quanti scogli o quante montagne dovremmo superare perchè dietro ogni ostacolo troveremo sempre qualcosa di bello ad attenderci.

Vorrei un amore come il loro. Un amore fatto di cose semplici. Di gesti quotidiani che ti fanno capire quanto sia importante avere affianco a se la persona giusta.

Con la persona giusta, anche alzarsi  tutte le mattine acquista un significato diverso.
 "Mi riferisco a quanto siamo arrabbiati con la morte per essere un'avida bastarda; ma forse anche con i nostri genitori, per non capire ciò che c'è tra noi. Per non permettere di restare all'unica persona che vorrei qui con me."

Inizia in modo triste. Auburn ha 15 anni e sta dicendo addio all'amore della sua vita. Sono due ragazzi in una stanza d'ospedale con tutto il mondo contro di loro. Nessuno sembra riuscire a capire che anche a quell'età l'amore è reale. Anzi, se possibile è ancora più puro di quello dei grandi. Crescendo, anche in amore le priorità diventano diverse. Molto spesso si mette da parte l'altro per far star bene se stesso.

Si dicono addio a modo loro. In  modo semplice, in un modo che ti commuove. Lei lascia l'ospedale, lascia il Texas credendo di non tornarci mai più.

"I suoi occhi non sembrano quelli di un ventunenne: sono scuri e profondi, e di colpo vorrei potermi tuffare in quelle profondità e vedere tutto quello che ha visto lui."

Ma qualcosa la spinge a tornare. A lasciare la sua famiglia e a iniziare a fare un lavoro che non gli piace. Non conosce nessuno e si sente sola proprio come la prima volta che c'è stata.

Fino a quando non si imbatte in una vetrina. Una vetrina particolare. Sulla facciata principale ci sono scritte tante confessioni. Confessioni di persone comuni che si sfogano lasciando bigliettini anonimi ed è qui che Owen letteralmente la spinge all'interno del suo mondo.

L'attrazione emotiva che c'è tra di loro, supera di gran lunga quella passionale. Sono due facce della stessa medaglia. Una medaglia divisa in due e che può completarsi solo con la sua perfetta metà.

Ma la vita non va come vorremmo noi e una serie di circostanze e delle persone faranno di tutto per tenerli separati. Ma quando l'amore chiama non c'è niente che possa fermarlo.

"Perchè merita di meglio di ciò che io posso darle. Tuttavia, non credo che meriti meglio di me. Penso anzi che sia perfetta per me, e che io sia perfetto per lei; sono le scelte sbagliate che ho fatto nella vita che non merita di dover affrontare. Quindi, finchè non avrò capito come rimediare ai miei errori, due giorni con lei sono tutto quello che merito."

Auburn e Owen sono due personaggi bellissimi. Lei è forte, nonostante  tutto quello che si mette tra lei e il suo obbiettivo che sembra diventare di giorno in giorno più insuperabile, è pronta a tutto pur di riuscirci. E' pronta a sacrificare se stessa e quello che prova. Owen non è da meno. Lui nella vita ha perso tanto, ma una cosa non ha mai perso. La speranza. La speranza di rivedere la ragazza che tanti anni fa lo aiutò ad affrontare uno dei periodi più brutti della sua vita. E lei non sapeva nemmeno della sua esistenza.

I personaggi secondari come il cognato di Auburn sono si, un brutto effetto collaterale, ma è un effetto collaterale che ci deve essere. Senza questa spinta in più la storia non assumerebbe la bellezza che ha.

Trovare bello questo libro è riduttivo. E' un capolavoro che tutti gli amanti del genere dovrebbero leggere.

E poi, i quadri che sono all'interno sono bellissimi. Sono tutti al posto giusto. Un grande puzzle fatto da tanti piccoli pezzi.

Io lo amato e spero che lo farete anche voi.

Un bacio,

Angela.

Nessun commento:

Posta un commento