sabato 22 ottobre 2016

"A fior di pelle" di Sophie Jackson, recensione



Titolo: A fior di pelle
Autrice: Sophie Jackson 
Genere: New adult 
Editore: Fabbri editori 

Giudizio:❤❤❤❤❤+ 

Passione:❤❤ ❤❤❤

A pound of flesh
1. A fior di pelle, Carter e Peaches (Kate) 
1.5 Love and always, Carter e Peaches
2. Nel tuo respiro, Max e Grace
2.5 Fate and forever, Carter e Peaches
3. Ogni tuo battito, Riley e Lexie


(Bum, bum, bum...)

Queste sono tutte le capocciate che vorrei aver dato al muro dopo aver finito questo libro. 

Perchè, perchè... ci ho messo così tanto a leggerlo? Per quale motivo l'ho fatto stare li, in un angolo ad aspettare? 


Vorrei davvero saperlo.. dire di aver amato questo libro sarebbe una banalità.. 



Trama

Dopo aver assistito all'omicidio di suo padre quando era solo una bambina, Kat da anni sogna il misterioso ragazzo che l'ha salvata dal fare la stessa fine. Ora, a 24 anni, Kat insegna letteratura inglese in un carcere di New York per onorare la memoria del padre, un sognatore prestato alla politica. Tra i detenuti c'è Wes Carter, un ragazzo dal passato difficile, bello quanto pericoloso, misterioso e brillante, amante dei libri e della musica eppure così impulsivo da mettersi costantemente nei guai. Tra loro cominciano a esserci scintille: ma Kat scopre presto che dietro le continue provocazioni di Carter, dietro quell'aria rude e quei modi bruschi c'è molto di più. E a rendere il loro rapporto ogni giorno più difficile è l'attrazione che esplode: immediata, intensa, fuori controllo. Ma la famiglia di Kat e i suoi amici potranno mai accettare l'idea che nella sua vita ci sia un "cattivo ragazzo" come Carter? E la scoperta del ruolo che ebbe Carter la notte della morte del padre di Kat li costringerà ad allontanarsi o finirà per unirli ancora di più?

Recensione


"Ovunque, ogni giorno, la gente sputa sentenze sugli altri basandosi soltanto sul colore della pelle, la religione, l'estrazione sociale, la razza, l'orientamento sessuale o.. la fedina penale. Il mondo è un inferno e Shylock è l'unico personaggio della commedia ad avere le palle di dichiararlo a voce alta. E paradossalmente il solo ad avere questo coraggio è proprio l'uomo che tutti considerano stupido, cattivo e ignorante. Il fatto che sia ebreo è un semplice espediente letterario. Se ai suoi tempi questo posto fosse esistito, Shakespeare avrebbe anche potuto scegliere un detenuto del Kill"


Sputare sentenze sugli altri è semplice. Criticare, trovare i difetti, usarli contro di loro.. è una cosa brutta eppure lo facciamo senza rendercene conto.

Quando ci troviamo di fronte ad una persona diversa da noi ci sono vari modi di reagire. C'è chi osserva apertamente e critica facendosi sentire, chi osserva e critica non facendosi sentire, c'è chi osserva ma poi distoglie lo sguardo e prova a essere normale.  E la persona che è di fronte a noi reagirà in maniera diversa, a seconda del carattere, a seconda della giornata..

Potranno far finta di niente e farsi scivolare tutto sopra..
Potranno sentire, far finta di niente e sentirsi morire dentro..
Oppure, nel caso di Carter vi ritrovereste con un occhio nero! 

Un debito.. 
Una promessa.. 
La loro libbra di carne. 

Entrambi, per motivi diversi hanno un debito da saldare. Kate tanto tempo fa, nella notte più spaventosa e straziante della sua vita ha fatto una promessa all'uomo che l'amava incondizionatamente. Ha promesso a suo padre di aiutare i meno fortunati di loro, perchè avendo ricevuto tanto, era giusto restituirlo in qualche modo.

Carter ha un debito da ripagare al suo migliore amico. Gli ha salvato la vita e l'idea di andare in prigione al posto suo.. è una cosa che gli viene naturale. Sa che Max ha molto di più da perdere in quel periodo rispetto a lui. 

Una notte... quella notte e una promessa. Ecco cosa hanno in comune Carter e Kate prima ancora di incontrarsi. 

Dopo 16 anni.. si ritrovano. Lui sa chi è lei, ma lei non può sapere che questo bellissimo e testardo ragazzo che la sta facendo uscire di senno è lo stesso ragazzino poco più grande di lei, che in un palazzo abbandonato del Bronx l'ha tenuta al sicuro e gli ha mormorato parole dolci, mentre due isolati più avanti il padre moriva su un asfalto freddo e lurido.. 

La loro è una storia emozionante, struggente, indimenticabile. Sono stati il segreto mai dimenticato. A volte hanno creduto di aver immaginato tutto.. eppure.. il destino ha deciso di segnarli da allora. 

Sarebbero stati la costante l'uno della vita dell'altro senza averne idea. 

Due metà di uno stesso infinito che si incontrano per non lasciarsi più. 

Carter: forte, determinato, bisognoso di amore e sexy da morire. Un debito da pagare.

Peachs: forte, bisognosa di qualcuno che creda in lei e bellissima. Una promessa da mantenere.

Insieme: la storia d'amore e di vita più bella di sempre. 




"Ma lei capì perfettamente cosa intendeva. Il loro amore andava oltre le parole, orltre la ragione, persino oltre loro due; era indescrivibile, inspiegabile, indistruttibile, ostinato. Era un legame che durava da sedici anni: anche se non si conoscevano, e avevano vissuto separati, erano sempre stati parte l'uno dell'altra, una parte silenziosa, essenziale.

Ho letteralmente divorato questo libro. Mi mancava l'ebrezza e l'energia del non riuscire a staccare. Di correre in camera e prender il libro anche solo per una pagina. Un giorno. Un giorno è il tempo che ho impiegato a finire la loro favola. Gli occhi rossi e stanchi.. sono stati la mia "libbra" da pagare per aver avuto l'opportunità di scoprirli. 

Di solito non mi fanno impazzire le storie narrate in terza persona, ma devo dire che su di loro era perfetto. Le ho sempre trovate impersonali rispetto alle altre.. eppure sono riusciti a farmi apprezzare anche questo. 

Vorrei avere più libro così, Romanzi, new adult o young adult non ha importanza. I contenuti e gli argomenti che tratta, sono quelli a fare la differenze. E questo qui era un mix perfetto. Dall'emarginazione, all'inserimento in comunità, le dipendenze, la mancanza di amore.. 

Credo di aver detto tutto. O meglio.. solo leggendo potrete capire la bellezza struggente di Carter e Peaches. 

Un bacio, 
Angela 

2 commenti:

  1. Nuova iscritta :)
    Bellissima recensione *-* Anch'io non amo le storie in terza persona ma questa storia la metterò in wishlist !

    RispondiElimina
  2. Ma ciao e ben trovata! Penso che non ti pentirai della lettura.. giuro che mi ha fatto emozionare come pochi! Sarò qui se vorrai condividere la tua opinione dopo averlo letto ;)

    RispondiElimina